Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti promozioni, informazioni e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza di utilizzo. Se vuoi saperne di più visita la Cookie Policy page. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque elemento sottostante, presente all’interno del sito web, acconsenti all’uso dei cookie.

5 ragioni per camminare a piedi scalzi sulla sabbia

Un'antica abitudine, tanti benefici per l'intero organismo

La scarpa è un'invenzione relativamente recente: i nostri avi per lo più hanno camminato a piedi nudi "costruendo" così l'anatomia e la funzione delle estremità. Ne consegue che camminare a piedi scalzi sulla sabbia o sull'erba è la modalità di "trasporto" più naturale. Si torna alle antiche abitudini con una serie di vantaggi per l'intero organismo.

 

camminare a piedi scalzi

 

  1. Piedi liberi (e felici)

Innanzitutto veniamo incontro alle esigenze del piede che troppo spesso costringiamo dentro calzature irrazionali. Non è il loro ambiente ideale. A lungo andare ne deriva una serie di problemi – malformazioni e dolorini – ben conosciuti dai podologi, ortopedici e chirurghi del piede. Quando è possibile, quindi, liberiamoci dalle scarpe.

 

  1. Contro gonfiori e pesantezze

Camminare a piedi scalzi sulla sabbia agevola il ritorno venoso, cioè è utile per chi ha problemi di circolazione venosa che si esprimono attraverso gonfiori, difetti di sensibilità, affaticamento, pesantezza e che comportano anche un rischio trombotico. Il sangue che scorre nelle vene è necessario che rifluisca verso l'alto, raggiungendo il cuore, per essere ancora riossigenato e pompato in tutto il corpo.

L'immobilità e tante cattive abitudini (anche alimentari) sono i primi nemici. Viceversa, anche solo il camminare a piedi nudi, in particolare su una spiaggia, apporta un grande beneficio: finalmente tutta la pianta appoggia al suolo e i piedi possono svolgere la loro funzione così come sono stati progettati da madre natura. Per ottimizzare l'effetto il passo dev'essere ragolare e seguire una sequenza: appoggiare prima il calcagno, poi l'intera pianta e infine le dita che spingono per il passo successivo. Nulla di trascendentale.

 

  1. Migliora l'equilibrio

Il piede è riccamente innervato, un'opera ingegneristica estremamente raffinata. Riceve tanti segnali dal cervello e ne rimanda altrettanti. Quando camminiamo bene, quindi, stiamo proponendo una ginnastica anche per il sistema nervoso. Soprattutto con il passare degli anni possono subentrare problemi di equilibrio e di stabilità, aumentando il rischio di rovinose cadute. Camminare a piedi scalzi sulla sabbia si considera un'utile attività di prevenzione.

 

  1. Evita crampi e distorsioni

Meglio passeggiare sul bagnasciuga non sulla sabbia asciutta: in questo modo rinforziamo i muscoli, i tendini e stimoliamo in modo naturale le articolazioni. Aiuta a mettersi al riparo da distorsioni e crampi.

Inoltre, possiamo fare alcuni esercizi: per esempio, ogni tanto fermiamoci e proviamo a raccogliere un po' di sabbia con le dita dei piedi "ad artiglio". Teniamola stretta per qualche secondo, poi rilasciamo.

Dicevamo di preferire il bagnasciuga, toccato dalle onde del mare: è meglio anche perché l'acqua marina, insieme ai raggi ultravioletti del sole, costituisce un disinfettante naturale. Evitiamo così di contrarre micosi e verruche.

 

  1. Fa bene allo spirito

Proviamo a togliere le scarpe e camminare sull'erba o sulla spiaggia. Immediatamente ci sentiamo sollevati. E' un consiglio da non sottovalutare, spesso riportato nelle pubblicistica self-help. L'umore non è al massimo? Togliamoci le scarpe e proviamo a camminare scalzi sulla sabbia, ma va bene anche l'erba del giardino.

 

Possibili inconvenienti

Un taglio dovuto a una conchiglia, piccole lacerazioni al tallone. Soprattutto se non siamo abituati a camminare a piedi nudi possono verificarsi questi inconvenienti. La pelle, costretta per troppo tempo dentro una scarpa, è fragile, secca o arrossata.  Intanto, possiamo renderla più elastica con una crema a base di vitamine e acido acetilsalicilico. Laviamo sempre i piedi con acqua dolce dopo aver camminato. Se c'è un taglietto, mettiamo il piede in acqua di mare, poi disinfettiamo.

 

camminare a piedi scalzi

 

leggi altri articoli

 

Fonti:-Paolo Marathon Mossa: Centro Pilota per la chirurgia del piede e della caviglia. http://www.abcsalute.it/medici/ortopedia-e-traumatologia/lombardia/milano/milano/profpaolomossa.html- Paolo Marathon Mossa. Come evitare tutti i problemi. Viversani e belli 1-9 1995.
-Paolo Marathon Mossa. Una volta tanto ragiona con i piedi. Class, Giugno 1997 - Paolo Marathon Mossa. A piedi nudi sulla sabbia. L'Unione Sarda 9-6-97
-Paolo Marathon Mossa. Camminare scalzi fa bene ai nostri piedi. Corriere dell'Umbria 17-6-97

 

Condividi sui social!


5 luglio 2016


Approfondimento Benessere Fitness


Giornalista professionista

Articoli correlati