5 ragioni per camminare a piedi scalzi sulla sabbia

Un'antica abitudine, tanti benefici per l'intero organismo

La scarpa è un'invenzione relativamente recente: i nostri avi per lo più hanno camminato a piedi nudi "costruendo" così l'anatomia e la funzione delle estremità. Ne consegue che camminare a piedi scalzi sulla sabbia o sull'erba è la modalità di "trasporto" più naturale. Si torna alle antiche abitudini con una serie di vantaggi per l'intero organismo.

  1. Piedi liberi (e felici)

Innanzitutto veniamo incontro alle esigenze del piede che troppo spesso costringiamo dentro calzature irrazionali. Non è il loro ambiente ideale. A lungo andare ne deriva una serie di problemi – malformazioni e dolorini – ben conosciuti dai podologi, ortopedici e chirurghi del piede. Quando è possibile, quindi, liberiamoci dalle scarpe.

 

  1. Contro gonfiori e pesantezze

Camminare a piedi scalzi sulla sabbia agevola il ritorno venoso, cioè è utile per chi ha problemi di circolazione venosa che si esprimono attraverso gonfiori, difetti di sensibilità, affaticamento, pesantezza e che comportano anche un rischio trombotico. Il sangue che scorre nelle vene è necessario che rifluisca verso l'alto, raggiungendo il cuore, per essere ancora riossigenato e pompato in tutto il corpo.

L'immobilità e tante cattive abitudini (anche alimentari) sono i primi nemici. Viceversa, anche solo il camminare a piedi nudi, in particolare su una spiaggia, apporta un grande beneficio: finalmente tutta la pianta appoggia al suolo e i piedi possono svolgere la loro funzione così come sono stati progettati da madre natura. Per ottimizzare l'effetto il passo dev'essere ragolare e seguire una sequenza: appoggiare prima il calcagno, poi l'intera pianta e infine le dita che spingono per il passo successivo. Nulla di trascendentale.

 

  1. Migliora l'equilibrio

Il piede è riccamente innervato, un'opera ingegneristica estremamente raffinata. Riceve tanti segnali dal cervello e ne rimanda altrettanti. Quando camminiamo bene, quindi, stiamo proponendo una ginnastica anche per il sistema nervoso. Soprattutto con il passare degli anni possono subentrare problemi di equilibrio e di stabilità, aumentando il rischio di rovinose cadute. Camminare a piedi scalzi sulla sabbia si considera un'utile attività di prevenzione.

 

  1. Evita crampi e distorsioni

Meglio passeggiare sul bagnasciuga non sulla sabbia asciutta: in questo modo rinforziamo i muscoli, i tendini e stimoliamo in modo naturale le articolazioni. Aiuta a mettersi al riparo da distorsioni e crampi.

Inoltre, possiamo fare alcuni esercizi: per esempio, ogni tanto fermiamoci e proviamo a raccogliere un po' di sabbia con le dita dei piedi "ad artiglio". Teniamola stretta per qualche secondo, poi rilasciamo.

Dicevamo di preferire il bagnasciuga, toccato dalle onde del mare: è meglio anche perché l'acqua marina, insieme ai raggi ultravioletti del sole, costituisce un disinfettante naturale. Evitiamo così di contrarre micosi e verruche.

 

  1. Fa bene allo spirito

Proviamo a togliere le scarpe e camminare sull'erba o sulla spiaggia. Immediatamente ci sentiamo sollevati. E' un consiglio da non sottovalutare, spesso riportato nelle pubblicistica self-help. L'umore non è al massimo? Togliamoci le scarpe e proviamo a camminare scalzi sulla sabbia, ma va bene anche l'erba del giardino.

 

Possibili inconvenienti

Un taglio dovuto a una conchiglia, piccole lacerazioni al tallone. Soprattutto se non siamo abituati a camminare a piedi nudi possono verificarsi questi inconvenienti. La pelle, costretta per troppo tempo dentro una scarpa, è fragile, secca o arrossata.  Intanto, possiamo renderla più elastica con una crema a base di vitamine e acido acetilsalicilico. Laviamo sempre i piedi con acqua dolce dopo aver camminato. Se c'è un taglietto, mettiamo il piede in acqua di mare, poi disinfettiamo.

Fonti:-Paolo Marathon Mossa: Centro Pilota per la chirurgia del piede e della caviglia. http://www.abcsalute.it/medici/ortopedia-e-traumatologia/lombardia/milano/milano/profpaolomossa.html- Paolo Marathon Mossa. Come evitare tutti i problemi. Viversani e belli 1-9 1995.
-Paolo Marathon Mossa. Una volta tanto ragiona con i piedi. Class, Giugno 1997 - Paolo Marathon Mossa. A piedi nudi sulla sabbia. L'Unione Sarda 9-6-97
 

05 luglio 2016


Approfondimento Benessere Fitness

Giornalista professionista


Articoli correlati