Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti promozioni, informazioni e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza di utilizzo. Se vuoi saperne di più visita la Cookie Policy page. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque elemento sottostante, presente all’interno del sito web, acconsenti all’uso dei cookie.

Camminare per dimagrire: come e perché

Camminare per dimagrire è un'ottima strategia perdi-peso

Ormai anche i medici la prescrivono: un po' di attività fisica “impatta” sulla nostra salute a 360 gradi. Parliamo del fitness cardiorespiratorio, cioè dell'impegno del sistema circolatorio. È l'attività che consuma ossigeno, ci fa sudare, aumenta la frequenza cardiaca e fa venire il fiatone.

 

Camminare per dimagrire: 30 minuti al giorno per 5 giorni

Fare movimento è anche il più semplice antidoto al sovrappeso: al netto delle diete, si può semplicemente camminare per dimagrire. Le più recenti linee-guida raccomandano almeno 30 minuti di attività aerobica moderata al giorno per 5 giorni alla settimana. Significa camminare a passo spedito, alla velocità di circa 5 chilometri all'ora: un tipo di fitness alla portata di tutti. Oppure, come alternativa si può andare in bicicletta o fare cyclette fino a 16 chilometri all'ora.

 

camminare per dimagrire

 

Camminare per dimagrire ma anche per la salute cardiovascolare

Camminare per dimagrire significa anche controllare meglio i livelli di colesterolo nel sangue e la pressione arteriosa e prevenire malattie cardiovascolari e metaboliche come il diabete. Bruciamo calorie e sottraiamo la materia prima che va ad accumulare grasso. Per ottenere questo dobbiamo verificare su di noi un aumento del ritmo cardiaco e respiratorio. Ciascuno può regolarsi in base a quello che osserva. Con l'allenamento si può, mano a mano, aumentare l'impegno fisico.

 

Perché è importante camminare per dimagrire?

Camminare per dimagrire è importante prima di tutto perché l'accumulo di grasso corporeo è considerato uno dei principali fattori di rischio per molte malattie. La letteratura scientifica non lascia spazio ad alcun dubbio al riguardo. Vanno bene anche lo stepper e il tapis-roulant. Il sovrappeso - e ancor più l'obesità - aumenta il rischio di diabete, patologie cardio-cerebrovascolari (come infarti e ictus), epatiche e tumorali, cioè le principali cause di malattia e morte nei Paesi ad alto sviluppo.

 

I pericoli derivanti dall'eccesso di peso

Per quanto riguarda i tumori, si moltiplicano le prove che correlano la malattia all'eccesso di peso corporeo. Si parla soprattutto di tumore all’esofago, al pancreas, al colon, all’endometrio, al rene e al seno.

 

camminare per dimagrire

 

Per sapere se siamo in sovrappeso sono stati sviluppati diversi indici. Uno è il Body Mass Index (BMI): si calcola dividendo il peso corporeo espresso in chilogrammi per l'altezza al quadrato. Tuttavia, il parametro ritenuto più importante per valutare il rischio cardiovascolare, è quello che misura il grasso viscerale (pancia, spalle). Per averne un'idea basta un metro da sarta: si misura il girovita, più o meno poco sopra l'ombelico. Oltre i 92 centimetri il rischio è moderato, più di 120 centimetri è molto alto.

Camminare per dimagrire e curare l'apporto calorico sono ottime strategie per evitare il sovrappeso e l'obesità che espongono l'organismo a così tanti pericoli.

 

VAI AI PRODOTTI FITNESS

 

Fonti:http://www.nhs.uk/Livewell/getting-started-guides/Pages/getting-started-walking.aspx; Ministero della salute::http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_1560_allegato.pdf; http://www.webmd.com/cholesterol-management/features/exercise-to-lower-cholesterol; The Office of Disease Prevention and Health Promotion (USA): http://health.gov/paguidelines/guidelines/chapter4.aspx

 

Condividi sui social!


6 aprile 2016


Approfondimento Fitness


Giornalista professionista

Articoli correlati

Contenuto Web