Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti promozioni, informazioni e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza di utilizzo. Se vuoi saperne di più visita la Cookie Policy page. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque elemento sottostante, presente all’interno del sito web, acconsenti all’uso dei cookie.

Cause delle cadute dell'anziano: quando i riflessi rallentano

Le cause delle cadute dell’anziano sono molteplici e riguardano l'ambiente, i disturbi dell'andatura e dei riflessi

La percentuale media delle cause delle cadute dell'anziano è stata calcolata su 3.628 cadute, analizzate in 12 studi.

La causa principale è correlata all’ambiente (31%), a tale proposito, i rischi maggiori sono relativi all’ambiente domestico, dove avvengono il 60% delle cadute dell’anziano. Le altre cause riguardano lo stato di salute della persona, soprattutto relativi a disturbi di andatura e alla riduzione della forza muscolare e quindi alla capacità di porre in atto riflessi per proteggersi dalla caduta (17%).

Tra le cause vi possono essere inoltre i capogiri, le vertigini (13%), scompensi cardiocircolatori (9%), stati di confusione (5%), abbassamenti improvvisi di pressione arteriosa (3%), disturbi visivi (2%) e condizioni varie, quali artrite, malattie acute, assunzione di farmaci, alcol, dolore, epilessia e caduta dal letto (15%) a cui si aggiungono cause sconosciute (5%).

Per quanto riguarda i farmaci, i principali indiziati sono i farmaci psicotropi, quali gli ansiolitici e i sonniferi. Ma il rischio sembra essere comunque presente in caso di assunzione di molteplici farmaci.

Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che l’assunzione giornaliera di 4 o più farmaci esponga il paziente a un maggior rischio di uso improprio, reazioni avverse e interazioni farmacologiche. Ma va anche considerato che se il paziente assume molti farmaci è anche perché è in un cattivo stato di salute, che espone di per sé al pericolo di cadere.

 

cadute anziano

 

Conseguenze delle cadute

A seconda del tipo di caduta, si possono verificare diversi tipi di lesioni:
• fratture del polso: quando si cade in avanti o all’indietro appoggiandosi a terra con la mano; questo tipo di fratture sono più comuni tra i 65 e 75 anni
• fratture dell’anca: quando si cade sul lato; questo tipo di fratture sono più comuni dopo i 75 anni, probabilmente a causa del rallentamento dei riflessi nel proteggere la caduta con la mano
• semplici contusioni: se si cade all’indietro sui glutei è più raro che si verifichino fratture

 

cadute anziano

 

Un’altra complicazione frequente è la sindrome ansioso-depressiva post-caduta, che induce la persona a temere di muoversi, riducendo quindi l’attività fisica e con essa il tono muscolare.

Ovviamente ciò innesca un circolo vizioso che espone il paziente a un deficit deambulatorio e a un ulteriore rischio di cadere.

In questi casi può essere utile usufruire dell'assistenza domiciliare e prevenire situazioni di tale portata.

 

prenota

 

Bibliografia: Guideline for the prevention of falls in older persons. J Am Geriatr Soc. 2001;49(5):664-72. DOI: 10.1046/j.1532-5415.2001.49115
Arbás E, Garzón R, Suárez A, Buelga C, Pozo M, Comas A, et al. Consumo de medicamentos en mayores de 65 años: problemas potenciales y factores asociados. Aten Primaria. 1998;22(3):165-70
Bath PA, Morgan K. Differential risk factor profiles for indoor and outdoor falls in older people living at home in Nottingham, UK. Eur J Epidemiol. 1999;15(1):65-73. DOI: 10.1023/A:1007531101765
Campbell AJ, Borrie MJ, Spears GF. Risk factors for falls in a community-based prospective study of people 70 years and older. J Gerontol. 1989;44(4):M112-7

 


8 marzo 2017


Approfondimento Prevenzione


Medico di base - Pneumologo

Articoli correlati

Contenuto Web