Come restare in forma in 3 passi

Per restare in forma va curata flessibilità, forza fisica e capacità cardiorespiratoria

Con il termine “fitness” si fa solitamente riferimento a uno stato di benessere fisico, ovvero l'essere “in forma”. Per restare in forma e perseguire una buona forma fisica è necessario, da un lato, lavorare sulle scelte nutrizionali, dall’altro impegnarsi regolarmente in un’attività che comporti il lavoro di muscoli, apparato circolatorio e polmoni.

Generalmente, nell’ambito del fitness, si distinguono tre diversi tipi di attività in base all’obiettivo che ci si prefigge. Per restare in forma occorre dedicare del tempo alla cura di tutti e tre gli obiettivi. Vediamo quali sono.

Restare in forma curando 3 aspetti

  1.  Flessibilità

La sedentarietà e l’avanzare degli anni tendono a ridurre la flessibilità dei tendini e dei legamenti e la capacità dei muscoli di sostenere alcuni tipi di sforzi. Questa perdita di elasticità, spesso aggravata dalla presenza di malattie reumatiche, può dar luogo a una progressiva limitazione funzionale nella vita di tutti i giorni per cui sembra impossibile restare in forma. Il modo migliore per contrastare questo declino è impegnarsi quotidianamente in varie forme di attività fisica o fare esercizi di stretching.

  1. Fitness cardiorespiratorio

Per evitare di avere il fiatone anche solo dopo una breve corsettina (o una rampa di scale) è fondamentale coltivare la nostra “capacità aerobica”, cioè la capacità del sistema cardiorespiratorio di far fronte agli sforzi consumando ossigeno. Cuore, polmoni e muscoli devono essere costantemente allenati e le occasioni di certo non mancano: tra le attività più popolari di attività aerobica per restare in formaricordiamo la corsa, il camminare, il nuotare, il ciclismo, lo sci di fondo. La cosa più importante è abbandonare la poltrona e sudare un po’: è anche il modo migliore per “bruciare” i grassi. Un obiettivo da tenere presente anche nell’ottica della prevenzione cardiovascolare, oncologica e metabolica.

  1. Forza fisica

Che ne sarebbe di noi se non fossimo in grado di esercitare una forza sugli oggetti che manipoliamo? La forza dipende dalla massa muscolare e dall’intensità con cui riusciamo a reclutarla. Anche in questo caso, per restare in forma serve fare esercizio. La forza può essere aumentata attraverso un apposito training basato su ripetute contrazioni muscolari a carichi crescenti. Si tratta per lo più di un’attività di tipo anaerobico i cui benefici non si limitano alla capacità di esercizio dei muscoli, ma si estendono, per esempio, alla qualità dell’osso.

 

Restare in forma curando 3 aspetti

Le strategie per restare in forma vanno a beneficio anche del cervello

Restare in forma richiede dunque un lavoro su più fronti, prevedendo attività di tipo aerobico e anaerobico.

È noto che il lavoro svolto per restare in forma apporta grandi benefici anche per la salute di mente e cervello.

06 aprile 2016


Approfondimento Fitness

Giornalista professionista


Articoli correlati

Contenuto Web