Frutta secca e olio d’oliva extravergine nella dieta mediterranea

I benefici dell'assunzione quotidiana di frutta secca e olio d’oliva extravergine

La marcia in più alla dieta mediterranea viene da frutta secca e olio d’oliva extravergine. Lo dimostra ormai da qualche anno la ricerca clinica, con dati sempre più aggiornati sulla capacità protettiva che questi alimenti semplici, quotidiani e alla portata di tutti hanno per la salute cardiovascolare e metabolica, a iniziare dalle persone con accertati fattori di rischio.

Lo studio spagnolo sui benefici di frutta secca e olio d'oliva extravergine

Lo studio spagnolo Predimed è quello che sta contribuendo maggiormente a far conoscere i vantaggi di prevedere all'interno della propria dieta mediterranea frutta secca e olio d’oliva extravergine. L’efficacia di questi specifici componenti della dieta è emersa grazie alle osservazioni raccolte in varie aree del Paese su oltre 7.000 persone di età compresa tra 55-60 anni e 80 anni e selezionate tra soggetti con fattori di rischio cardiovascolare importanti come diabete di tipo 2, oppure con almeno tre di questi fattori: abitudine al fumo, ipertensione, sovrappeso/obesità, alti livelli di colesterolo cattivo (LDL) e bassi livelli di colesterolo buono (HDL), storia familiare di malattie cardiovascolari.

La popolazione studiata è stata divisa in tre gruppi che hanno accettato di seguire alla lettera, per circa 5 anni, tre tipi di alimentazione: una dieta di controllo, caratterizzata da basso contenuto di grassi ma con scarso apporto di olio extravergine d’oliva e di frutta secca; una dieta mediterranea tipica alla quale ogni giorno veniva aggiunto olio d’oliva extravergine (circa 1 litro/settimana); infine una dieta mediterranea che prevedeva ogni giorno l’aggiunta di 30 g di frutta secca tra noci (15 g) nocciole (7,5 g) e mandorle (7,5 g).

Lo studio spagnolo sui benefici di frutta secca e olio d'oliva extravergine

I risultati: l'aggiunta di olio d'oliva extravergine e frutta secca diminuisce del 30% infarti e ictus

I risultati non lasciano dubbi: l’aggiunta di olio d’oliva extravergine o di frutta secca alla dieta mediterranea porta vantaggi evidenti di salute con una riduzione del numero sia di infarti miocardici sia di ictus del 30% rispetto alla dieta senza “la marcia in più” di olio d'oliva extravergine o frutta secca. Anche la mortalità cardiovascolare si è ridotta del 30% in questi due gruppi.

L'effetto preventivo di frutta secca e olio d’oliva extravergine dipende dal contenuto di acidi grassi e polifenoli

Perché frutta secca e olio d’oliva extravergine riescono a migliorare la qualità e le ricadute sulla salute anche della dieta mediterranea? Gli autori della ricerca spiegano che l’effetto preventivo della frutta secca si deve in gran parte alla presenza di acidi grassi polinsaturi (Omega 3 prevalenti nelle noci e Omega 6, prevalenti in nocciole e mandorle), ma anche di fibre e di minerali e vitamine. Quanto all’olio d’oliva, soltanto quello extravergine (cioè il più saporito e fruttato) è ad alto contenuto di polifenoli, che hanno un riconosciuto effetto di difesa antiossidante.

Fonti: http://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMoa1200303?query=featured_home& archiviato in http://www.webcitation.org/6iKmJOdw7

06 maggio 2016


Alimentazione Approfondimento

Giornalista professionista


Articoli correlati

Contenuto Web