Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti promozioni, informazioni e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza di utilizzo. Se vuoi saperne di più visita la Cookie Policy page. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque elemento sottostante, presente all’interno del sito web, acconsenti all’uso dei cookie.

I 4 dolori più comuni per chi pratica la corsa

Problematiche piuttosto comuni che inducono i corridori allo stop. Vediamo in che cosa consistono e le relative soluzioni

Bene la corsa o la camminata veloce tutti i giorni. Ma, a volte, subentrano dolori che ostacolano il fitness (a parte i traumi). Vediamo quali sono i 4 dolori più frequenti per chi pratica la corsa.

 

  1. Fascite plantare

Forse il problema più diffuso tra gli amanti della corsa. È l’infiammazione di muscoli e tendini che si esprime spesso con dolore alla base del calcagno. Eccessivi carichi per troppo tempo, modalità sbagliate nell’appoggio, debolezza dei muscoli del piede rappresentano le cause principali.

Soluzioni:

Possiamo eseguire semplici esercizi come rollare la pianta del piede su una pallina da tennis. Un'altra tecnica consiste nel sedersi con la caviglia di una gamba sul ginocchio dell’altra gamba: tirare le dita del piede delicatamente verso l’alto e mantenere la posizione per 10-30 secondi.

Anche un po’ di ghiaccio dà conforto e la Tecnica di rilascio attivo (ART), oggi in voga negli Stati Uniti. A lungo termine, per evitare recidive, sono efficaci esercizi mirati di stretching, tecniche di fisioterapia (anche standard) e il rafforzamento dei muscoli del piede.

 

dolori corsa

 

  1. Infiammazione del tendine d’Achille

Tende a guarire lentamente. Si manifesta con dolore nella parte bassa e posteriore della gamba, sopra il tendine. Un’eccessiva sollecitazione protratta nel tempo di alcuni muscoli e tendini della gamba può essere all’origine del problema, così come una calzatura che non fornisce adeguato supporto. Ma le cause sono diverse ed è sempre consigliato farsi vedere da un medico o un fisioterapista.

Soluzioni:

Riposo, ghiaccio, stretching, uso di scarpe ben strutturate, tutori e supporti, fisioterapia con laser, ultrasuoni e calore: decisioni da prendere consultando una figura sanitaria esperta.

Un esercizio a volte consigliato è lo stretching del polpaccio: appoggiarsi con due mani contro un muro, una gamba in avanti con ginocchio piegato e l'altra dietro. Portare avanti le anche per qualche secondo, si devono sentire i muscoli dei polpacci in tensione. In ogni caso non accelerare i tempi di recupero o riprendere impegnandosi subito in attività troppo intense.

 

dolori corsa

 

  1. Ginocchio del corridore

Questo problema si manifesta con un dolore continuo sopra o sotto la rotula, ma anche lateralmente, soprattutto quando si flette il ginocchio. Tra le cause principali c'è la sindrome da sovrauso, programmi di fitness eccessivi e mal programmati. Attenzione alle debolezze muscolari dei muscoli della coscia. A volte si parla anche di sindrome della bandelletta ileotibiale.

Prestare attenzione alle pratiche in discesa o su fondi irregolari. Anche correre sempre sullo stesso lato della strada e il sovrappeso sono fattori predisponenti.

 

Soluzioni:

In primis riposo o riduzione dell'attività. Si ricorre al ghiaccio, agli antinfiammatori, alle infiltrazioni o alle varie tecniche di trattamento fisico.

Evitare di correre in discesa e rafforzare la muscolatura di anca, coscia e glutei ma solo quando il dolore comincia ad allentare la presa. Farsi seguire, anche in questo caso, da una persona che conosca davvero la problematica.

 

  1. Sofferenza medio-tibiale

Diverse le cause all’origine di questo dolore che colpisce la parte inferiore della gamba, in particolare lo stinco: forse meno noto, ma è tra i 4 dolori più frequenti per chi pratica la corsa. Allenamenti troppo frequenti o intensi, precedenti infortuni, corsa su superfici irregolari o troppo dure, scarpe inadeguate, problemi muscolari possono aprire la strada a questa problematica.

Soluzioni:

Prima di tutto servono riposo e ghiaccio (impacco). Da seduti tenere la gamba su una sedia, a letto cuscino sotto il piede. Non mancano esercizi di stretching e di rafforzamento ad hoc, a volte viene consigliato il nuoto. Sempre importante capire bene qual è la vera causa.

 

prenota visita

Sitografia: Marco Musorrofiti, http://www.albofisioterapisti.com; http://www.ortopediaborgotaro.it; http://sintomicura.com; http://www.msdmanuals.com


8 maggio 2017


Approfondimento Fitness


Giornalista professionista

Articoli correlati

Contenuto Web