I fiori di Bach per il lavoro in ufficio

Un medico psicoterapeuta ci spiega come usare i fiori di Bach in ufficio contro i disagi emotivi di vario genere

Troppo lavoro accumulato sulla scrivania. Con il capo o con i colleghi non ci si capisce, o volano scintille. Il lavoro annoia, o non gira. Anche se abbiamo le idee chiare, non riusciamo a farle passare.

Chissà quante volte ci ritroviamo a disagio in uno dei luoghi in cui passiamo più tempo, spesso la sede di lavoro. Una specialista ci spiega quale potrebbe essere il ruolo dei fiori di Bach per il lavoro in ufficio. E' in prima battuta un richiamo a guardarsi dentro per cercare di capire che cosa non va: anche la floriterapia può essere uno strumento di indagine e lavoro psicoterapeutici.

Quali scegliere

«Un periodo di stress al lavoro – ci spiega il medico psicoterapeuta Maria Grazia Parisi – può lasciare il segno sia sulla psiche che sul fisico: la sensazione di non farcela, lo scoraggiamento, la tensione muscolare che si trasforma in cefalea o dolori alla schiena o alle spalle o in insonnia, e via dicendo.

- Tra i fiori di Bach per il lavoro in ufficio Elm è il primo rimedio floreale a cui pensare, in quanto dedicato alla momentanea sensazione di “eccesso di carico” dovuta, appunto, all’essersi presi troppi incarichi e mansioni rispetto alle vere disponibilità di tempo o di energie.

- Segue Gentian per alleviare lo sconforto che quasi inevitabilmente ne consegue.

- Hornbeam può invece aiutare nel caso sia subentrata anche una certa stanchezza mentale che spesso porta con sé anche la demotivazione.

- Possiamo poi ricorrere a Larch quando ci sentiamo letteralmente bloccati dal timore di non farcela e ad Oak se tendiamo sempre più spesso a portarci il lavoro a casa».

Quali scegliere

Nessuno mi ascolta e mi capisce...

«Nel lavoro – continua Parisi – ci sono poche cose più irritanti della sensazione di trovarsi in balìa di persone ottuse, irresponsabili o semplicemente indifferenti.

- Se questo è quanto state vivendo, provate intanto a correggere il vostro stato d’animo, per esempio con Holly nel caso in cui tutto ciò vi susciti una vera e propria reazione di rabbia a causa dell’incomprensione di cui siete oggetto.

- Potete aggiungere Impatiens se vi sembra anche di essere circondati da persone troppo lente.

- Water Violet se vi appaiono superficiali, limitate o di scarso interesse umano e tendete quindi a starvene da soli per lavorare meglio.

- Beech se notate soprattutto gli errori che fanno gli altri e perdete molto tempo a metterli in evidenza.

- Invece, è il caso di prendere Chicory se vi sembra che, malgrado i vostri buoni consigli e tutto quello che fate per gli altri (compreso correggerli quando sbagliano), non ricevete mai abbastanza in cambio.

- Se siete proprio amareggiati per certi atteggiamenti nei vostri confronti (in particolare l’indifferenza, l’ostilità o l’impressione di essere sfruttati), potete aggiungere Willow, soprattutto se lo vivete come una sorta di “karma” che vi perseguita.

- Infine, tra i fiori di Bach per il lavoro in ufficio o in altre circostanze – sperando però non vi serva mai – tenete a portata di mano Cherry Plum o Rescue Remedy se vi siete convinti che qualcosa o qualcuno stiano per farvi esplodere!»

Fonti: Maria Grazia Parisi, www.fastreset.it

07 aprile 2017


Approfondimento Benessere

Giornalista professionista