Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti promozioni, informazioni e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza di utilizzo. Se vuoi saperne di più visita la Cookie Policy page. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque elemento sottostante, presente all’interno del sito web, acconsenti all’uso dei cookie.

Il buon sonno difende la salute delle ossa

Il buon sonno difende anche la salute delle ossa: ecco perché

Esiste una correlazione tra sonno e salute delle ossa? Sì. Secondo una ricerca, pubblicata sul Journal of Bone Mineral Research (first online 24 July 2015), dormire poco e/o male, tra i vari disturbi che può causare, rischia anche di compromettere la densità minerale delle ossa.

 

Il sonno disturbato mette in pericolo la salute delle ossa

Il rapporto tra sonno e salute delle ossa è particolarmente evidente se è presente la sindrome delle apnee del sonno (patologia nota anche con la sigla inglese OSAS, Obstructive Sleep Apnea Syndrome). L’OSAS è caratterizzata da frequenti interruzioni del respiro durante il sonno ed è una patologia molto comune; in Italia si stima che colpisca il 24% circa degli uomini e il 9% circa delle donne.

Se, a causa dell’OSAS, il sonno è scarso e di cattiva qualità si alterano funzioni fondamentali come l’ossigenazione degli organi (soprattutto, cuore e cervello) e la secrezione ormonale. Questi fattori compromettono anche la normale vita del tessuto osseo. Si crea, infatti, uno squilibrio tra la perdita e la nuova sintesi di tessuto osseo.

 

sonno salute ossa

 

Un ridotto apporto di ossigeno si ripercuote sulla densità delle ossa

Per valutare la relazione tra qualità del sonno e salute delle ossa, lo studio sopra citato ha preso in esame 30 uomini con diagnosi di OSAS e li ha messi a confronto con 20 uomini sani. Tutti i soggetti sono stati sottoposti a test polisonnografico, ossia un esame che misura il numero di apnee durante il sonno.

Sono inoltre stati dosati nel sangue diversi valori, quali la vitamina D, il calcio e il fosforo, che servono a valutare il metabolismo delle ossa. Infine, è stata eseguita una densitometria ossea (conosciuta anche come “MOC”) della colonna vertebrale lombare e del collo del femore, per misurare la densità minerale ossea.

Le analisi hanno dimostrato valori di densità minerale ossea significativamente più bassi nelle persone affette da OSAS. Questo effetto sembra essere conseguente allo stato di ipossia (ossia il ridotto apporto di ossigeno nel sangue) causato dall’OSAS.

 

Cadute e traumi: un’ulteriore relazione pericolosa tra sonno e salute delle ossa

Al legame tra cattiva qualità del sonno e salute delle ossa compromessa si aggiunge inoltre un fattore da tenere sempre presente nelle persone affette da OSAS: il rischio di cadute accidentali.

L’OSAS causa infatti il tipico sintomo della sonnolenza diurna che si ripercuote in un deficit di attenzione e di equilibrio, aumentando così la possibilità di incorrere in cadute e traumi. Le ossa, già rese più fragili dall’ipossia, sono quindi anche maggiormente esposte al pericolo reale di fratturarsi, anche a seguito di infortuni banali.

 

sonno salute ossa

 

Sonno e salute delle ossa si relazionano anche con il peso corporeo

Un legame ulteriore tra sonno e salute delle ossa passa anche attraverso obesità e diabete di tipo 2. È noto, infatti, che il riposo non adeguato aumenta il rischio di obesità e di diabete di tipo 2; ed entrambe queste patologie inficiano la salute delle ossa.

Quindi, anche per garantire la salute delle ossa è fondamentale non sottovalutare il disturbo ricorrente di un sonno inadeguato e rivolgersi al proprio medico curante, seguendo con costanza tutte le sue indicazioni su stile di vita, alimentazione ed eventuali terapie.

 

TEST SONNO

 

Condividi sui social!

 


4 aprile 2016


Approfondimento Disturbi del sonno Salute


Medico di base - Pneumologo

Articoli correlati

Contenuto Web