Il nuoto fa bene alla salute se seguiamo alcune regole

Tutti i benefici del nuoto e le precauzioni che è sempre meglio adottare

Può essere praticato ad ogni età, a patto di seguire alcune regole di base. Nuotare fa bene alla salute ma non dimentichiamo che esistono anche alcune controindicazioni.

Quali i principali benefici accertati?

  • Fitness cardiorespiratoria

Nuotare regolarmente aumenta l’endurance e la capacità aerobica. Il tutto può essere adeguato all’età e all’eventuale presenza di condizioni cliniche. E’ bene procedere per gradi, non volere tutto e subito.

Si consiglia di effettuare una fase di riscaldamento prima di scendere in acqua e nuotare mantenendo un ritmo regolare raggiungendo una frequenza cardiaca sotto massimale: 120 battiti al minuto se non ci sono problemi cardiovascolari.

In generale, poi, il nuoto combatte comuni fattori di rischio cardiovascolare come l’ipertensione, l’iperglicemia e l’ipercolesterolemia.

Quali i principali benefici accertati?

  • Costruire massa magra

Un altro motivo per cui nuotare fa bene alla salute: l’acqua oppone una resistenza 12 volte superiore all’aria. Lo sforzo protratto in acqua, quindi, induce una tonificazione dei muscoli e un aumento della loro massa.

 

  • Bruciare calorie

Consigliato a tutte le persone che hanno problemi di peso corporeo. Le calorie bruciate dipendono ovviamente dall’intensità e dalla durata dell’esercizio. Unitamente all’aumento della massa muscolare, la perdita di massa grassa favorisce un cambiamento positivo della composizione corporea.

Si può anche registrare un aumento di peso dovuto al fatto che il muscolo pesa di più del grasso: si tratta però di un aumento del tutto positivo per la salute.

  • Miglioramenti estetici

Nuotare fa bene alla salute anche dei bambini: contribuisce infatti ad uno sviluppo armonioso e completo dello scheletro. Aumenta la gabbia toracica e la capacità respiratoria. Se seguiti da un buon istruttore si possono anche correggere difetti della colonna vertebrale (es. scoliosi).

Migliora la coordinazione motoria e la flessibilità rendendo più eleganti i movimenti (e riducendo il rischio di cadute nella terza età). Il nuoto rassoda la massa muscolare e combatte inestetismi come la cellulite.

 

  • Per chi soffre di dolore cronico

Le persone alle prese con dolori articolari e deficit di mobilità possono avvalersi del nuoto per fare attività fisica. In acqua la forza di gravità è minore così come le sollecitazioni articolari.

Precauzioni

Il nuoto viene spesso consigliato per problemi alla schiena. Tuttavia, occorre prestare attenzione alle modalità e ai tempi di esecuzione. L’assenza di gravità può infatti portare a una perdita di tono dei muscoli antigravitazionali. Se sono presenti questi problemi alla schiena l’attività in acqua va quindi scelta con un medico o un esperto.

Precauzioni

Se, poi, è già presente mal di schiena occorre cautelarsi: ad esempio, in caso di lombalgia lo stile rana può essere controproducente. Analogamente, è opportuno farsi seguire da uno specialista in presenza di patologie cardiovascolari, dolori osteoarticolari (soprattutto alla spalla) e patologie scoliotiche dell’età evolutiva.

Fonti: www.humanitasalute.itwww.webmd.com/fitness-exercise/a-z/swimming-for-fitnesswww.nuotomania.itwww.medicinenet.com

05 gennaio 2017


Approfondimento Fitness

Giornalista professionista


Articoli correlati

Contenuto Web