Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti promozioni, informazioni e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza di utilizzo. Se vuoi saperne di più visita la Cookie Policy page. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque elemento sottostante, presente all’interno del sito web, acconsenti all’uso dei cookie.

Il trattamento dell'asma

Le modalità di trattamento, l'aderenza e le casistiche più frequenti

Le linee guida GINA (Global Initiative for Asthma) per la gestione a lungo termine dell'asma, hanno come obiettivo il controllo dei sintomi e la riduzione del rischio di riacutizzazioni e di perdita progressiva della funzionalità polmonare. Il trattamento dell'asma, infatti, si basa sul controllo dei fattori di rischio, sulle strategie non farmacologiche e sull’uso di farmaci specifici.

 

trattamento dell'asma

Dallo stadio iniziale alle fasi acute: tutti i farmaci necessari per il trattamento dell'asma

 

I vari stadi

Nell'asma in stadio iniziale, ovvero con meno di due attacchi al mese, sono indicati i farmaci beta2-agonisti a breve durata d'azione (SABA) da utilizzare al bisogno.

In tutti gli altri stadi, per il controllo della malattia, cioè dello stato infiammatorio dei bronchi, vengono proposti i corticosteroidi inalatori (ICS).

 

ICS

Nel caso, invece, di pazienti affetti da asma non controllato dalla sola somministrazione si ICS è raccomandato il ricorso all’associazione LABA-ICS (ovvero i corticosteroidi e i beta2-agonisti a lunga durata d'azione), la cui efficacia è stata dimostrata da numerosi studi clinici.

Quando anche la terapia combinata con LABA-ICS non consenta un adeguato controllo della sintomatologia, al normale trattamento dell'asma è possibile aggiungere altri farmaci, quali gli antileucotrieni, la teofillina, o gli anti-IgE.

Recentemente il tiotropio (un broncodilatatore a lunga durata d'azione), precedentemente indicato solo per la BPCO, ha mostrato evidenze di benefici clinici anche per il trattamento dell'asma. Nei casi più gravi è previsto anche l'utilizzo di steroidi per via sistemica.

Come per le altre patologie croniche, anche per quelle respiratorie nelle forme gravi, l’assunzione in maniera continuativa dei farmaci indicati per il trattamento dell'asma, insieme all'assunzione in modo corretto della terapia inalatoria mediante i diversi dispositivi, sono di estrema importanza per assicurarne i benefici attesi.

 

Monoterapia: i farmaci più usati per il trattamento dell'asma

Per quanto concerne la monoterapia, i farmaci maggiormente impiegati sia per il trattamento dell'asma sia per quello della BPCO, sono i corticosteroidi inalatori, usati dal 28,3% della popolazione affetta da asma e dal 35,2% di quella colpita da BPCO, seguiti da “altri farmaci respiratori” che comprendono prevalentemente SABA, impiegati dal 14% dei soggetti con asma e dal 22,6% di quelli con BPCO.

 

I dati sui pazienti: fumo, sovrappeso e obesità sia nei pazienti con asma sia con BPCO

 

Fumo

Andando ad analizzare i dati su pazienti affetti da asma e pazienti con BPCO e, nello specifico, focalizzando l’attenzione sulla quota di popolazione con almeno un valore registrato durante l’anno precedente, si nota come il 29,1% dei soggetti con asma e il 37,1% di quelli con BPCO si è dichiarato un fumatore. Inoltre, la quota dei fumatori è superiore tra coloro che non ricevono un trattamento farmacologico.

Obesità

In più l’analisi del BMI mostra come il 60-70% di entrambe le popolazioni sia in sovrappeso o obeso, senza particolari differenze tra coloro con e senza un trattamento farmacologico (Tabella 4.2.16).

 

Tuttavia, i dati su abitudine al fumo e indice BMI sono da considerare con le dovute cautele, in quanto sono condizionati dalla presenza di quote rilevanti di dati non registrati da parte del medico di medicina generale.

 

trattamento dell'asma

L'aderenza al trattamento dell'asma: più bassa che in quelli con BPCO

Infine, l’analisi dell’aderenza al trattamento dell'asma con farmaci per i disturbi respiratori, mostra che il 10,7% dei soggetti assume la terapia in maniera continuativa. In quelli con BPCO il dato sale fino al 26,1%.

La bassa aderenza ai trattamenti, oltre che a un possibile uso scorretto del farmaco, è da imputare anche ai diversi regimi terapeutici previsti per il trattamento di queste patologie che, soprattutto per le fasi iniziali, prevedono il ricorso a farmaci solo al momento dell’attacco.

Per ciò che riguarda i trattamenti nello specifico, il tiotropio bromuro, i LABA e le combinazioni di più farmaci hanno mostrato livelli di aderenza più elevati rispetto alle altre strategie terapeutiche analizzate.

 

prenota visita

 

Bibliografia di riferimento

1. WHO (World Health Organization). Chronic respiratory diseases. URL: http://www.who.int/respiratory/en/ (ultimo accesso Febbraio 2016)

2. Global Initiative for Asthma (GINA). Global Strategy for Asthma Management and Preventation. Updated 2015. URL: http://www.ginasthma.org (ultimo accesso Febbraio 2016)

3. Morales DR. LABA monotherapy in asthma: an avoidable problem. Br J Gen Pract. 2013 Dec; 63(617): 627–628.

4. FDA Drug Safety Communication. FDA requires post-market safety trials for Long-Acting Beta-Agonists (LABAs). URL: http://www.fda.gov/Drugs/DrugSafety/ucm251512.htm (ultimo accesso Febbraio 2016).

5. Cates CJ, Wieland LS, Oleszczuk M et al. Safety of regular formoterol or salmeterol in adults with asthma: an overview of Cochrane reviews. Cochrane Database Syst Rev. 2014 Feb 6;2:CD010314.

6. Kew KM, Dahri K. Long-acting muscarinic antagonists (LAMA) added to combination long-acting beta2-agonists and inhaled corticosteroids (LABA/ICS) versus LABA/ICS for adults with asthma.

7. Cochrane Database Syst Rev. 2016 Jan 21;1:CD011721.(GOLD). Global Strategy for Diagnosis, Management, and Prevention of chronic obstructive pulmonary disease (COPD) Global. Updated 2016. URL: http://www.goldcopd.org (ultimo accesso Febbraio 2016).

8. Tricco AC, Strifler L, Veroniki AA, et al. Comparative safety and effectiveness of long-acting inhaled agents for treating chronic obstructive pulmonary disease: a systematic review and network meta-analysis. BMJ Open. 2015 Oct 26;5(10):e009183.

9. Lee JH, Kim HJ, Kim YH. The Effectiveness of Anti-leukotriene Agents in Patients with COPD: A Systemic Review and Meta-analysis. Lung. 2015 Aug;193(4):477-86.

Kasper DL, Braunwald E, Fauci AS, et al. Harrison. Principi di medicina interna. 16^ Edizione. McGraw-Hill Ed., 2005.

Agenzia italiana del farmaco (AIFA). Osservatorio nazionale sull'impiego dei medicinali (OSMED). 

 

Condividi sui social!


9 novembre 2016


Approfondimento Salute


Medico di base - Pneumologo

Articoli correlati

Contenuto Web