Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti promozioni, informazioni e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza di utilizzo. Se vuoi saperne di più visita la Cookie Policy page. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque elemento sottostante, presente all’interno del sito web, acconsenti all’uso dei cookie.

L'apporto proteico per la riduzione della prevalenza della fragilità

La ricerca sugli apporti proteici rispetto agli apporti calorici: ecco i risultati

Secondo gli ultimi dati raccolti in tre città francesi, un apporto proteico elevato è associato a una minore prevalenza della fragilità nei soggetti anziani che vivono al domicilio, indipendentemente dall’apporto calorico.

La fragilità è definita come uno stato di vulnerabilità che predispone i soggetti anziani ad un rischio più elevato di ospedalizzazione, di disabilità e di decesso.

Esistono cinque criteri che permettono di diagnosticarla:

  • Perdita di peso involontaria > 3Kg nell’ultimo anno

  • Deperimento fisico

  • Velocità di cammino ridotta

  • Riduzione della forza muscolare

  • Attività fisica molto scarsa

I pazienti vengono considerati fragili quando presentano almeno tre dei precedenti criteri.

Molti studi hanno dimostrato che l’apporto di proteine può essere associato a tre di questi criteri – perdita di peso, debolezza muscolare e lentezza del cammino, ma in una visione più generale si può ricollegare alla fragilità nel suo complesso.

Alcuni ricercatori francesi (Bordeaux/Clermont-Ferrand) hanno quindi voluto indagare se un aumento degli apporti proteici e calorici nei soggetti anziani può essere protettivo nei confronti della fragilità.

Per questo motivo, i ricercatori hanno assunto come valore soglia minimo per l’apporto proteico 1g/Kg/die e per l’apporto calorico 30g/Kg/die ed hanno analizzato i dati della coorte Bordelaise des Trois Cités (1345 soggetti ambo i sessi con una età media di 74 anni).

Per ognuno dei 1345 soggetti, era stata effettuata con l’aiuto di un dietista una anamnesi alimentare, che aveva permesso di stimare i loro apporti proteici e calorici quotidiani e valutare la loro fragilità.

 

apporto proteico

 

Un apporto proteico più elevato si associa ad una riduzione del 58% del rischio di fragilità

La fragilità colpisce il 4,1% dei soggetti della coorte (55 soggetti su 1345).

Solo il 36,4% di queste persone consuma più di 1g di proteine/Kg/die contro il 58,6% dei soggetti non-fragili. L’origine delle proteine consumate (animali o vegetali) non è associato al rischio di fragilità.

Anche prendendo in considerazione gli apporti energetici, quelli dei soggetti fragili risultano in media più bassi a quelli dei non-fragili. Tuttavia, è da sottolineare come in entrambi i gruppi meno di un terzo dei soggetti assume 30 kcal/kg/die. Da ciò è quindi possibile osservare che non vi è una associazione significativa tra l’apporto calorico e la sindrome dell’anziano fragile.

Esaminando uno per uno ogni criterio della fragilità, i ricercatori hanno notato una associazione tra un apporto proteico elevato e una minore prevalenza di ciascuno dei 5 criteri.

 

apporto proteico anziani

 

Le conclusioni

In seguito a queste valutazioni, le conclusioni sono che gli apporti proteici superiori a 1g/kg/die si possono associare ad una minore prevalenza della fragilità (-58%), indipendentemente dagli apporti calorici.

E’ quindi importante valutare come gli 0,8g/kg/die di proteine attualmente raccomandati per i soggetti anziani, possono non essere sufficienti per minimizzare le conseguenze dell’invecchiamento.

Il suggerimento è quindi quello di rivedere le raccomandazioni nutrizionali al fine di incrementare l’apporto proteico a 1g/kg/die, basandosi anche su studi antecedenti, in cui sono stati evidenziate delle associazioni tra un apporto proteico superiore a 1g/kg/die e la prevenzione di molti criteri della sindrome dell’anziano fragile (perdita di peso, velocità di cammino…).

 

VAI ALL'ESHOP

 

Fonti: B. Rahi et coll. Higher Protein but Not Energy Intake Is Associated With a Lower Prevalence of Frailty Among Community-Dwelling Older Adults in the French Three-City Cohort. J Am Med Dir Assoc, juillet 2016, tradotto da Nutrisens Francia - Alberto Bozzolan

 


1 febbraio 2017


Alimentazione Approfondimento


Articoli correlati

Contenuto Web