La BPCO è una malattia subdola e in crescita

Arriva lentamente e aumenta con l'età, ma molti non sanno di averla

La bronco-pneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è una malattia cronica delle vie respiratorie tra le più comuni soprattutto nelle persone in età avanzata, e costituisce un problema rilevante per la sanità pubblica. La BPCO è una malattia subdola e in crescita: l’OMS stima che le persone affette da BPCO siano nel mondo oltre 64 milioni e che tale patologia sia responsabile del 6% delle cause di morte nel mondo, pari a oltre 3 milioni di persone.

La BPCO è una malattia subdola e in crescita: oggi siamo al 3% e aumenta con l'età

In Italia, secondo i dati della medicina generale (Health Search - IMS LPD), la prevalenza della BPCO è in costante crescita, è infatti salita dal 2% nel 2004 a circa il 3% di oggi. Tali tassi di prevalenza aumentano con l'avanzare dell’età e sono più elevati nel sesso maschile: 3,7% uomini vs 2,5% donne.

La maggioranza dei casi è al Sud e nelle isole rispetto al Centro e al Nord e, andando in là con gli anni, la prevalenza raggiunge quota 10,8% tra gli ultra 75enni. Tutte conferme del fatto che la BPCO è una malattia subdola e in crescita motivo per cui non va sottovalutata e, se diagnosticata per tempo, va trattata con particolare attenzione.

La BPCO è una malattia subdola e in crescita: oggi siamo al 3% e aumenta con l'età

Fattori di rischio come fumo, dieta scorretta, sovrappeso e obesità sono correggibili

I fattori di rischio della BPCO sono ben noti, per alcuni si può far poco, come, per esempio, la predisposizione familiare, l'inquinamento e l'età, ma altri possono essere contrastati, consentendo benefici talvolta superiori a qualsiasi medicina, come per il fumo l'alimentazione e il peso.

Purtroppo, però, tuttora il 37,1% dei malati di BPCO ammette di essere fumatore e la percentuale cresce tra coloro che non si curano. Il 60-70% è addirittura in sovrappeso o obeso, senza particolari differenze tra coloro che seguono o no un trattamento farmacologico. Va inoltre aggiunto che tali dati potrebbero essere sottostimati, perché talvolta non vengono registrati nel corso della visita dal medico di medicina generale.

Ecco perché la BPCO è una malattia subdola e in crescita

Ma le dolenti note non finiscono qui. La BPCO è una malattia subdola e in crescita anche perché si sviluppa lentamente, in modo subdolo appunto, dando alla persona il tempo di “abituarsi” a respirare male. È per questo motivo che sono relativamente pochi gli ammalati che si rivolgono al medico, ricevono una diagnosi precisa e tempestiva, e aderiscono correttamente la terapia.

Diamo quindi qualche altro numero esemplificativo su quanti sono i malati di BPCO adeguatamente diagnosticati e curati:

 

- 1 su 10 ha eseguito una spirometria (l’esame più indicato per una diagnosi precisa), con percentuali più elevate tra i soggetti in trattamento;
- 1 su 3 attualmente assume una terapia;
- 1 su 4 assume la terapia in maniera continuativa; l’aderenza al trattamento è più elevata al Nord e al Centro rispetto al Sud;
- 1 su 4 riceve la vaccinazione antinfluenzale (prevenzione fondamentale per prevenire le riacutizzazioni, che possono far precipitare rapidamente l’evoluzione della malattia e la mancanza di respiro; anche in questo caso le percentuali sono maggiori nel gruppo in trattamento farmacologico).

Sentire subito il medico se ci sono sintomi che possono far pensare alla BPCO

Quindi, che fare? Concludiamo con un consiglio semplicissimo. Soprattutto se siete fumatori e in sovrappeso, se vi accorgete che iniziate a far fatica a svolgere attività quotidiane che prima eseguivate con facilità, rivolgitevi subito al vostro medico. Potrebbe essere solo colpa dell’età, ma potrebbe anche essere la BPCO, che se scoperta presto verrà curata meglio.

Fonti: Kasper DL, Braunwald E, Fauci AS, et al. Harrison. Principi di medicina interna. 16^ Edizione. McGraw-Hill Ed., 2005.

Agenzia italiana del farmaco (AIFA). Osservatorio nazionale sull'impiego dei medicinali (OSMED). L'uso dei farmaci in Italia. Rapporto nazionale anno 2015.

10 gennaio 2017


Approfondimento Salute

Medico di base - Pneumologo


Articoli correlati

Contenuto Web