Le regole per dormire bene

Le regole per dormire bene sono poche e semplici, ma troppo spesso non vengono rispettate

1

Le principali regole per dormire bene sono poche e semplici. Tuttavia, proprio chi si lamenta di non avere un buon sonno, spesso non le rispetta. Gli specialisti che si occupano di disturbi del sonno confermano, invece, che seguire delle precise regole per dormire bene è la base di qualunque trattamento dedicato alla soluzione del problema dell’insonnia.

È stato quindi definito il seguente decalogo delle regole per dormire bene:

La prima norma per dormire bene è forse la meno rispettata: fare sì che gli orari in cui ci si corica e ci si sveglia siano il più possibile regolari. Anche nei fine settimana.

2

Sulla stessa lunghezza d’onda è la seconda indicazione: cercare di mantenere costante il numero di ore di sonno. Se si anticipa l’ora serale, lo si faccia anche con la sveglia.

3

Se non si avverte sonnolenza è inutile andare a dormire. Il sonno non si può forzare. Invece, se nonostante la sonnolenza iniziale, addormentarsi è difficile, è meglio alzarsi, uscire dalla camera da letto o leggere qualche pagina rilassante.

4

Curare l’ambiente in cui si dorme sembra poco importante. Invece è una delle regole per dormire bene che più aiuta chi soffre di problemi di insonnia. La stanza scelta per dormire deve essere la più silenziosa della casa, avere una buona schermatura dalla luce, una temperatura media e costante, umidità sufficiente per non disidratare le mucose, non deve ospitare tv, computer o tavolo da lavoro. Il letto deve essere comodo, con un materasso che sostenga senza essere troppo duro.

5

No a sostanze eccitanti: la caffeina, presente in tè e caffè, cola e cioccolata è nemica del sonno, soprattutto se assunta in orario serale. Anche l’alcol sembra favorire la sonnolenza e abbreviare la latenza dell’addormentamento, di fatto disturba il sonno, aumentando il numero dei risvegli notturni.

6

No al fumo: fumare non favorisce il buon sonno, perché la nicotina è una sostanza eccitante e perché il fumo irrita e congestiona le vie respiratorie.

7

Prestare attenzione ai pasti serali è un’altra delle regole per dormire bene spesso disattesa. I pasti serali devono essere leggeri, come qualità e come quantità. Preferire i cibi integrali, la verdura e la frutta ricchi di fibre, i grassi vegetali aiuta il riposo notturno.

8

No ai sonnellini durante il giorno. Gli unici concessi devono essere brevi, di non più di 20 minuti e limitati al dopo-pranzo. Sonnecchiare invece sul divano dopo cena compromette il sonno notturno.

9

Nelle ore serali è meglio evitare gli esercizi fisici di intensità medio-alta e preferire attività rilassanti, stretching, passeggiata, yoga. Per la palestra (danza, jogging, basket, calcetto) è meglio il tardo pomeriggio.

10

No all’attività cerebrale intensa prima di dormire. Lavorare/studiare nelle ore serali impedisce al cervello di mettere in atto i meccanismi neuro-ormonali che favoriscono  l’addormentamento. Ancor più controproducenti sono i videogiochi o gli spettacoli tv poco rilassanti.

 

Leggi l'approfondimento qui.

04 maggio 2016


Consigli Disturbi del sonno

Giornalista professionista


Articoli correlati

Contenuto Web