Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti promozioni, informazioni e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza di utilizzo. Se vuoi saperne di più visita la Cookie Policy page. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque elemento sottostante, presente all’interno del sito web, acconsenti all’uso dei cookie.

Le tisane, bevande di benessere

Tisane digerenti, rilassanti e calmanti per il nostro benessere

Le tisane, bevande di benessere, godono di notevole popolarità. Il piacere associato all’atto stesso di questa preparazione rapida, aromatica, calda e dolcificata secondo il gusto personale, è innegabile.

Il tipo di erba (singola, o in associazione con altre), scelta per l’infusione, lungi dall’avere proprietà medicamentose o preventive (per le quali occorrono ben altre caratteristiche), implica comunque l’idea positiva di un miglioramento dello stato di benessere grazie, per esempio, a un effetto digestivo, o rilassante.

 

Come vengono preparate le tisane, bevande di benessere

Le tisane vengono per lo più preparate utilizzando prodotti pre-confezionati in sacchetti, oppure come polveri o granulati solubili istantaneamente. In questi casi, l’azienda che fornisce il prodotto è tenuta a garantirne la sicurezza.

Chi scegliesse, invece, di preparare una tisana a partire da ingredienti grezzi (in linguaggio tecnico “droghe vegetali”, cioè fiori, foglie, o più raramente radici e cortecce ricche di principi attivi) deve sapere che, in Italia, le uniche figure professionali abilitate alla loro formulazione e vendita sono gli erboristi laureati, i farmacisti e i laureati in CTF (Chimica e Tecnologia farmaceutiche).

 

tisane bevande di benessere

 

Attenzione alle molecole attive in gravidanza e allattamento e nella somministrazione ai bambini e ai malati cronici

Che cosa significa? Pur essendo le tisane bevande di benessere, cioè senza fini medicamentosi, non bisogna mai dimenticare che fiori, foglie, legni, cortecce contengono molecole attive a tutti gli effetti.

Infatti il ministero della Salute, in una nota dal titolo “Uso di prodotti naturali, come tisane e integratori alimentari, da parte dei gruppi più vulnerabili della popolazione, come bambini e donne in gravidanza, o durante l’allattamento”, consiglia a questi soggetti di chiedere consiglio al medico, o al pediatra, prima di assumere, o di somministrare, sia gli integratori sia le tisane. Non solo: queste stesse precauzioni vanno seguite a maggior ragione da chi è in terapia cronica con farmaci anti-diabetici, antipertensivi, regolatori delle dislipidemie.

 

Le tisane, bevande di benessere, sono usate per rilassamento, sonno, tosse, digestione e funzionalità intestinale

La maggior parte delle tisane sono sicure per il consumo da parte di adulti sani e vengono proposte per il rilassamento/riposo notturno, la digestione, la funzionalità intestinale, o anche in caso di tosse.

 

  • Rilassamento/riposo notturno

Il rilassamento, anche mentale, è favorito dagli infusi di foglie di melissa (Melissa officinalis L.), dai fiori di camomilla (Matricaria camomilla L.), dai fiori del papavero europeo occidentale di crescita spontanea (Papaver rhoeas L.), ben diverso dal papavero “da oppio” identificato dal nome latino Papaver somniferum. Rilassanti sono anche le tisane di fiori di tiglio (Tillea sp), o di fiori di arancio dolce (Citrus aurantium L.).

Chi preferisce una tisana rilassante composta può scegliere (o farsi preparare) un insieme di 1/3 fiori di papavero, 1/3 fiori di camomilla e 1/3 radici di valeriana, che andrà quasi sicuramente dolcificata, perché di solito amarognola.

 

  • Digestione:

Una tisana, bevanda di benessere per la digestione può essere ottenuta utilizzando una fettina di rizoma dello zenzero (Zingiber officinale Roscoe). Oppure, negli adulti, si può ricorrere a una sola foglia di alloro alimentare (Laurus nobilis L.).

 

  • Funzionalità intestinale:

La radice di altea (Althaea officinalis L.) è ricca di polisaccaridi che non vengono digeriti e che, nell’intestino, assorbono acqua, favorendo la peristalsi (movimenti intestinali) e ammorbidendo le feci. Un cucchiaino di marmellata di tamarindo sciolta in acqua bollente (Tamarindus indica L.) ha lo stesso effetto di richiamo di acqua.

Queste tisane di benessere sono bevande preparate per infusione, vale a dire lasciando riposare per 3-5 minuti il prodotto in 150 ml di acqua bollente. Se non si utilizzano sacchetti, la bevanda va filtrata.

 

tisane bevande di benessere

 

Altra cosa, rispetto alla tisana, è il decotto

Diverso dalle tisana è il decotto, preparazione di scelta se si utilizzano cortecce, radici, rizomi, peduncoli. In questo caso si immerge l’ingrediente in acqua già bollente, proseguendo la bollitura per almeno 3-5 minuti e fino a 10. La filtrazione è indispensabile.

Per favorire la funzionalità intestinale si può utilizzare un decotto a base di 2-3 prugne secche e di una mela non sbucciata. Oltre alla frazione liquida, di questo decotto si consumano anche i frutti.

Un decotto che richiede tempi più lunghi si ottiene da una cipolla spezzettata aggiunta a un paio di piccioli di foglie di rabarbaro e qualche cucchiaino di miele.

Per calmare la tosse, invece, si utilizza un decotto in cui si sono fatti bollire a lungo 2-3 fichi secchi spezzettati, 2-3 frutti di carrubo, la scorza di mezza arancia spremuta nell’acqua di cottura, una foglia di alloro, un po’ di cannella e un chiodo di garofano.

 

leggi altri articoli di benessere

 

Condividi sui social!


11 novembre 2016


Alimentazione Approfondimento Benessere


Giornalista professionista

Articoli correlati

Contenuto Web