Meno mamme depresse con l'allattamento al seno

L'allattamento al seno e il contatto con il bambino hanno un effetto protettivo contro la depressione post-parto

Sono molto evidenti i benefici dell'allattamento al seno per il bambino. Il latte materno è infatti l'alimento migliore per il bambino. Apporta tutti i nutrienti nelle giuste proporzioni, è ben digeribile, favorisce le difese immunitarie e la crescita sia fisica sia emotiva del neonato. Ma sono notevoli anche i benefici per la mamma.

Sappiamo infatti che l’allattamento al seno stimola la naturale contrazione dell’utero riducendo il naturale sanguinamento post partum. Inoltre, l'allattamento al seno favorisce nella mamma la perdita di peso e il recupero della forma fisica.

Alcuni studi hanno poi ipotizzato che l’allattamento al seno riduca il rischio di osteoporosi e di tumore della mammella e dell’ovaio.

Allattamento e depressione

Ma ancora poco esplorato è il riflesso sullo stato emotivo della mamma. Un recente studio di Pawluski et al., dedicato allo studio dell'ansia e della depressione post-partum ha evidenziato un aspetto molto interessante. La suzione del bambino sembra infatti avere un effetto ansiolitico e antidepressivo per la donna. Non è tuttavia ancora chiaro se tale effetto sia specifico della suzione o dal contatto cutaneo o da entrambi gli stimoli.

Allattamento e depressione

Specifici recettori della serenità sulla pelle

La suzione del bambino ha sicuramente un effetto ormonale positivo nella madre. Ma a ciò si associa il contatto cutaneo e delle carezze e anche questo aspetto sembra essere molto rilevante. Il contatto fisico tra mamma e bambino attiva specifiche terminazioni nervose e ​​recettori (come l’MRGPRB4) presenti sulla pelle. Questi recettori aumentano sul corpo materno dopo il parto. Questo fatto è probabilmente una risposta della natura atta ad aumentare la relazione tra mamma e bambino e i conseguenti riflessi protettivi.


La sollecitazione di questi recettori trasmette effetti particolarmente gratificanti. L’ansia della donna è quindi mitigata dall’allattamento al seno e anche dal semplice contatto col bambino. Coerentemente con questi risultati, la cosiddetta ‘cura canguro’, ovvero il contatto intimo col bambino, ha potenzialmente la capacità di ridurre l’ansia e i sintomi depressivi nelle ​​madri.
Quindi, l'allattamento al seno e le carezze sono la cura più efficace per il benessere del bambino, ma anche della sua mamma.

Bibliografia: Pawluski JL, Lonstein JS, Fleming AS. The Neurobiology of Postpartum Anxiety and Depression. Trends Neurosci 2017;40:106-120.
Ministero della Salute. I vantaggi dell'allattamento al seno.

29 maggio 2017


Approfondimento Prevenzione

Medico di base - Pneumologo