Nessun legame tra latte, latticini e diabete di tipo 2

Via libera al consumo di latte e latticini: lo sviluppo del diabete non è correlato a questi alimenti

Tra consumo di latte, latticini e diabete di tipo 2 non c’è alcun legame. Chi mette in tavola tutti i tipi di latte e latticini, insomma, non fa aumentare il proprio rischio di compromettere l’equilibrio degli zuccheri.

La dimostrazione, molto rassicurante per chi ama questi preziosi (e gustosi) cibi, viene da uno studio ampio, condotto in Olanda, che ha esaminato una popolazione teoricamente più vulnerabile dal punto di vista metabolico, cioè 2.974 soggetti maturi-anziani (tra i 59 e i 71 anni), seguiti in media per oltre 9 anni.

Lo studio dimostra che tra latte, latticini e diabete di tipo 2 non c'è alcuna associazione

I risultati sono stati pubblicati su Nutrition, Metabolism and Cardiovascular Disease, e sono tanto più definitivi perché emergono dalle abitudini di una popolazione in cui latte e latticini (yogurt, formaggi e così via) sono parte dell’alimentazione quotidiana in quantità consistente, tra 259 e 559 grammi al giorno (in media 398 grammi/die).

L’analisi è stata molto accurata e, per escludere ogni eventuale fattore confondente, ha considerato tutte le possibili variabili in grado di condizionare il risultato: dall’età al sesso, poi il rapporto peso/altezza (BMI), la presenza di altri casi per diabete di tipo 2 in famiglia e di condizioni che favoriscono il diabete (ipertensione, dislipidemia, abitudine al fumo, sedentarietà) oppure che lo contrastano (consumo regolare di frutta e verdura, assunzione regolare di tè o caffè).

Ebbene: nel corso degli oltre nove anni di monitoraggio, in nessun soggetto il consumo di latte e latticini, interi, parzialmente o totalmente scremati, che fossero fermentati (come lo yogurt e i formaggi stagionati) o freschi, si è potuto associare allo sviluppo di diabete di tipo 2, anche in chi ne consumava oltre mezzo chilo al giorno.

Lo yogurt ha un effetto protettivo rispetto al metabolismo glucidico

Per quanto riguarda il consumo di yogurt, inoltre, è emersa una certa capacità protettiva nei confronti del metabolismo glucidico. Le conclusioni sono quindi semplici: se vengono inseriti nel complesso della dieta, tra latte, latticini e diabete di tipo 2 non emerge alcun legame, positivo o negativo, anche per consumi quotidiani di un certo rilievo.

22 maggio 2017


Alimentazione Approfondimento Prevenzione

Giornalista professionista


Articoli correlati

Contenuto Web