Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti promozioni, informazioni e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza di utilizzo. Se vuoi saperne di più visita la Cookie Policy page. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque elemento sottostante, presente all’interno del sito web, acconsenti all’uso dei cookie.

Novità nella vaccinazione contro la meningite

La vaccinazione contro la meningite viene raccomandata solo per le fasce di popolazione a maggior rischio

La vaccinazione contro la meningite è raccomandata per tutti bambini appena nati. L’invito alla vaccinazione dei bambini avviene tramite chiamata diretta da parte della propria Azienda Sanitaria Locale (ASL) (o, con la nuova denominazione, Agenzia di Tutela della Salute - ATS).

 

Vaccinazione contro meningococco

 

La vaccinazione contro la meningite che è stata finora offerta gratuitamente è stata quella contro il meningococco di tipo C (esistono infatti diversi tipi di questo batterio) e avviene tramite un'iniezione intramuscolare somministrata in un'unica dose a 13 mesi.

Questa vaccinazione contro la meningite è inoltre gratuita per gli adolescenti che non sono stati vaccinati nell’infanzia. Per il resto, l’offerta vaccinale varia da Regione a Regione.


Per esempio, la vaccinazione contro il meningococco B è gratuita solo in alcune Regioni ma presto lo sarà a livello nazionale appena entrerà in vigore il nuovo Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale. Questo tipo di vaccinazione prevede dosaggi diversi a seconda dell’età in cui si inizia a vaccinare, anche se il vaccino è indicato soprattutto al di sotto di un anno di età.

Il nuovo il calendario nazionale prevede la somministrazione di 3 dosi nel corso del primo anno di vita più un richiamo dopo l’anno di età.

 

vaccinazione meningite

 

Vaccinazione contro altri germi


Ma la meningite può essere scatenata anche da altri batteri diversi dal più temuto meningococco (che ha il nome scientifico di Neisseria meningitis). In particolare, tra i germi coinvolti vi possono essere anche l'Haemophilus Influenzae e lo pneumococco. Ma anche contro di essi esistono specifici vaccini.


La vaccinazione contro Haemophilus Influenzae B (emofilo tipo B) è solitamente effettuata, gratuitamente, insieme a quella antitetanica, antidifterica, antipertosse, antipolio e antiepatite B, al 3°, 5° e 11° mese di vita del bambino, come da calendario vaccinale italiano.

Non sono necessari ulteriori richiami. Anche la vaccinazione contro Streptococcus pneumoniae (pneumococco) è offerta gratuitamente a tutti i bambini e il calendario nazionale prevede la somministrazione di 3 dosi, al 3°, 5° e 11° mese di vita del bambino.

Il nuovo Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale ne prevede l’offerta attiva e gratuita ai soggetti di 65 anni di età.

 

vaccinazione meningite

 

Vaccinazione per adulti
 

Per tutti gli adulti non vi è attualmente raccomandazione a ricorrere alla vaccinazione contro la meningite, a meno che non siano presenti specifici fattori di rischio (per esempio, malattie croniche e immunodeficienza) o condizioni particolari (per esempio viaggi in zone a rischio).


Per eventuali dubbi, ci si può rivolgere al proprio medico di famiglia o ai centri vaccinali della propria ASL/ATS.

 

VAI ALLA PAGINA MAMME

 

Bibliografia consultata
1. Istituto Superiore di Sanità. Rapporto epidemiologico Influnet. N. 11, 11 gennaio 2017.
2. Ministero della Salute. FAQ Meningite. Ultimo aggiornamento 9 gennaio 2017.
3. Istituto Superiore di Sanità. Meningite. Cosa c’è da sapere. 10 gennaio 2017.

 


30 gennaio 2017


Approfondimento Prevenzione


Medico di base - Pneumologo

Articoli correlati

Contenuto Web