Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti promozioni, informazioni e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza di utilizzo. Se vuoi saperne di più visita la Cookie Policy page. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque elemento sottostante, presente all’interno del sito web, acconsenti all’uso dei cookie.

Per un invecchiamento in salute: ad ogni Paese la sua ricetta

Alimentazione e benessere tra i segreti di un invecchiamento sano

L’invecchiamento sano è un concetto universale? Forse no, secondo i risultati di una ricerca pubblicata dall’Osservatorio degli anziani. A seconda del Paese, infatti, gli anziani lo definiscono in modo differente e ne conferiscono una importanza più o meno elevata e si basano su una soluzione differente per raggiungerlo.

Naturalmente, alcune caratteristiche sono comuni, come la salute. Ad esempio, per il 92% dei tedeschi, il 90% degli inglesi e l’88% dei francesi, l’invecchiamento sano dipende innanzitutto da una buona salute.

Dopo questo elemento comune, però, le strategie differiscono. Se i britannici sono i più sensibili e attenti all’importanza dell’alimentazione, i tedeschi e i francesi pongono una maggiore attenzione sul benessere (il 45% e il 43% rispettivamente spenderebbero del denaro per delle cure legate al benessere personale contro il 14% dei britannici).

 

invecchiamento sano

 

Apprendere durante tutta la vita

Il 38% delle persone che hanno effettuato l’intervista in Francia ritengono inoltre che un invecchiamento sano dipenda anche da una continua formazione durante tutta la vita, per tenere allenata la mente. Questa stessa importanza viene invece data solo dal 12% dei tedeschi.

 

Invecchiamento sano, è così fondamentale?

No, questa è la risposta che otterrete da circa un terzo dei tedeschi di età compresa tra 50 e 70 anni. Viceversa, questo concetto è fondamentale per il 96% del francesi e l’88% degli inglesi. Una differenza molto importante su cui ci si deve interrogare. 


I ricercatori si sono posti due domande per cercare di rispondere al precedente interrogativo: la percezione dell’importanza di un invecchiamento sano dipende dalla cultura della persona? Oppure i tedeschi di età superiore a 50 anni sono particolarmente soddisfatti della loro vita attuale?

Innanzitutto, ricorda Stéphane Adam, professore di psicologia all’università di Liegi, "la sensazione di benessere, di qualità di vita e di buonumore aumenta con il trascorrere degli anni".

Secondo la teoria della selettività socio-emotiva di Laura Carstensen, spiega il ricercatore, quando la persona prende coscienza del proprio invecchiamento, generalmente intorno ai 40 anni, diventa più incline a vivere il presente, a vivere meglio le relazioni e le esperienze che apportano del benessere nell’immediato.


Probabilmente questo è il segreto dell’invecchiamento sano.

 

vai all'eshop

 

Traduzione: Alberto Bozzolan Nutrisens, da un articolo di Raphaëlle Murignieux
 


13 febbraio 2017


Alimentazione Approfondimento Benessere


Articoli correlati

Contenuto Web