Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti promozioni, informazioni e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza di utilizzo. Se vuoi saperne di più visita la Cookie Policy page. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque elemento sottostante, presente all’interno del sito web, acconsenti all’uso dei cookie.

Più dormi e più guadagni salute. L'aiuto della CPAP per le apnee

La CPAP per chi soffre di apnee notturne è una cura efficace, che migliora la qualità del sonno e riduce il rischio cardiovascolare

La sindrome delle apnee ostruttive nel sonno (OSAS) ha una cura specifica denominata CPAP (continuous positive airway pressure; erogazione di pressione positiva continua nelle vie aeree). La CPAP per chi soffre di apnee notturne ha dimostrato di migliorare la qualità del sonno e della vita, ma anche di ridurre il rischio cardiovascolare.

Questo dato è stato evidenziato da uno studio che ha stimato l'efficacia della CPAP in 95 pazienti affetti da OSAS. Questi pazienti avevano una OSAS grave, con oltre 20 episodi di apnea-ipopnea. Viene considerata apnea una mancanza di respiro per almeno 10 secondi, gli episodi più brevi sono definiti invece ipopnea.

La gravità dell'OSAS rendeva questi pazienti idonei al trattamento con CPAP (solitamente prescrivibile a chi ha più di 10 apnee notturne).

Nel corso dello studio, durato 1 anno, i partecipanti sono stati sottoposti a misurazione ambulatoriale della pressione arteriosa e a polisonnografia. La polisonnografia è un esame che permette di monitorare tutti i principali parametri del sonno. Oltre a questi esami, tutti i partecipanti hanno risposto regolarmente a questionari tesi a valutare la loro qualità di vita, lo stato generale di salute e la presenza di sonnolenza diurna.

 

cpap salute apnee

 

Risultati: un bel guadagno di salute

Dopo un anno di trattamento con CPAP, grazie alla migliore qualità del sonno, è nettamente migliorato il punteggio della qualità di vita e di salute generale. Inoltre, è stato osservata una riduzione della pressione arteriosa, sia sistolica (la cosiddetta "massima"), sia diastolica (la "minima").

Da molto tempo è stato infatti dimostrato che la OSAS è anche un importante fattore di rischio cardiovascolare. In particolare, l'OSAS si associa spesso allo sviluppo di ipertensione arteriosa. Questo studio, che dimostra il contemporaneo miglioramento di OSAS e pressione arteriosa grazie alla CPAP, ne è la riprova.

 

vai alle cpap

Fonti: Rizzi CF, Ferraz MB, Poyares D, Tufik S. Quality-adjusted life-years gain and health status in patients with OSAS after one year of continuous positive airway pressure use. Sleep 2014;37(12):1963-8.


3 luglio 2017


Approfondimento Disturbi del sonno


Medico di base - Pneumologo

Articoli correlati

Contenuto Web