Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti promozioni, informazioni e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza di utilizzo. Se vuoi saperne di più visita la Cookie Policy page. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque elemento sottostante, presente all’interno del sito web, acconsenti all’uso dei cookie.

Sì al magnesio per la protezione del cuore e la prevenzione del diabete

I benefici dell'assunzione quotidiana di magnesio: ecco i risultati della ricerca

Assicurare ogni giorno un’adeguata assunzione di magnesio per proteggere il cuore e per la prevenzione del diabete di tipo 2 è fondamentale. Lo conferma un’ampia revisione di 40 studi prospettici condotti tra il 1999 e il maggio 2016 in nove paesi, coinvolgendo oltre 1 milione di persone.

Nonostante sia un minerale indispensabile per la funzionalità di tutte le cellule, che lo utilizzano nella sintesi delle proteine, degli acidi nucleici (DNA e RNA) e per il corretto metabolismo degli zuccheri, la carenza di magnesio è diffusa in tutto il mondo, con diversi livelli di prevalenza, tra il 2,5 e 15-20% della popolazione, secondo le aree esaminate.

Il magnesio infatti viene perso facilmente, con le urine, le feci e il sudore e non sempre il consumo di alimenti ricchi di magnesio (frutta secca con guscio, legumi, cacao, vegetali a foglia e cereali integrali) è tale da soddisfare il fabbisogno.

 

magnesio protezione cuore diabete

 

Secondo le indicazioni rilasciate nel luglio 2016 da EFSA (European Food Safety Authority) gli uomini dovrebbero assumere ogni giorno 350 mg di magnesio, le donne 300 mg mentre, in età infantile e adolescenziale, il range di assunzione cresce progressivamente da 175 a 300 mg al giorno.

Ma, nonostante queste precise raccomandazioni, fino al 20% della popolazione delle non raggiunge il 30% di questo quantitativo, persino nelle nazioni più industrializzate.

Già prima dei risultati di questa review, del resto, la carenza di magnesio è stata associata a un deciso aumento del rischio di malattie del cuore e di diabete di tipo 2, di sindrome metabolica (cioè compresenza di almeno tre fattori tra obesità addominale, eccesso di peso, ipertensione, iperglicemia, insulinoresistenza, dislipidemia), ma anche di broncopneumopatia cronica ostruttiva e di malattia di Alzheimer.

Ora, i ricercatori non hanno soltanto valutato l’associazione tra diversi livelli di assunzione quotidiana di magnesio e riduzione del rischio di malattie, ma anche quanto un aumento di 100 mg al giorno dell’assunzione del minerale aggiungesse in termini di protezione della salute.

 

magnesio protezione cuore diabete

 

 

I risultati

Ecco i dati: paragonando le condizioni di salute dei soggetti con i livelli maggiori di assunzione di magnesio a quelle di chi ne assumeva meno, si è visto che, nei primi, era diminuito del 10% il rischio di malattia cardiaca, del 12% il rischio di infarto e del 26% il rischio di diabete di tipo 2.

Non solo: per ogni assunzione ulteriore di 100 mg al giorno di magnesio, il rischio di infarto era ridotto di un ulteriore 7%, mentre quello di diabete di tipo 2 di un ulteriore 19%.

 

Le conclusioni

La conclusione è chiara: l’assunzione quotidiana e costante di magnesio, per la protezione del cuore e la prevenzione del diabete si conferma fondamentale.

È importante rispettare almeno le indicazioni fornite dalle autorità competenti, anche perché una maggiore assunzione di questo minerale con l’alimentazione si traduce in un incremento della protezione sia per il cuore sia nei confronti del diabete di tipo 2.

 

leggi altri articoli

 

Bibliografia: Xuexian Fang, Kai Wang, Dan Han et al. - Dietary magnesium intake and the risk of cardiovascular disease, type 2 diabetes, and all-cause mortality: a dose–response meta-analysis of prospective cohort studies - BMC Medicine 2016, DOI: 10.1186/s12916-016-0742-z [e-pub ahead of print]

de Baaij JH, Hoenderop JG, Bindels RJ. - Regulation of magnesium balance: lessons learned from human genetic disease - Clin Kidney J. 2012;5 (Suppl 1):i15–24.


23 gennaio 2017


Approfondimento Prevenzione


Giornalista professionista

Articoli correlati