Sigaretta elettronica poco efficace per smettere di fumare

La sigaretta elettronica è oggetto di un lungo studio, ancora in corso. I risultati di efficacia sono finora modesti

La sigaretta elettronica è attualmente oggetto di uno studio dell'Istituto Superiore di Sanità e varie università italiane. Sono coinvolte le università di Chieti, Torino, Catania, Parthenope di Napoli, Milano, Sapienza e Cattolica di Roma.

Si tratta del monitoraggio più lungo finora effettuato sulla sicurezza e sull'efficacia della sigaretta elettronica. Lo studio si concluderà nel 2019.

I dati

La ricerca ha coinvolto 932 fumatori di sigaretta elettronica, sigaretta tradizionale o entrambe (dual users). Dopo 24 mesi di follow-up, il 42,4% dei fumatori di sigaretta elettronica ha mantenuto l'abitudine a tale uso; il 18,8% ha abbandonato qualunque tipo di sigaretta; il 38,9% è tornato al fumo tradizionale (con o senza sigaretta elettronica).

Tra i fumatori tradizionali, ha continuato a fumare la sigaretta classica il 75,6% e ha smesso di fumare il 23,1%. Tra i dual users, il 57,4% ha abbandonato le sigarette elettroniche, ma non le sigarette classiche e il 16,6% ha continuato a fumare entrambe; il 26,0% ha smesso di fumare sigarette tradizionali ma l'11,7% ha continuato a fumare la sigaretta elettronica.

Per quanto riguarda la sicurezza, tra i fumatori di sigarette elettroniche, sono stati registrati 38 casi di infiammazione/irritazione delle vie aeree superiori (20 nei dual users), e 38 nuovi casi di patologie gravi potenzialmente legate al fumo, con differenze non statisticamente significative tra i gruppi. Non sono attualmente emersi problemi particolari di salute per quanto riguarda la sicurezza della sigaretta elettronica, ma questo tipo di valutazione richiede più tempo per poter essere considerati definitiva.

I dati

Conclusioni

In attesa dei risultati definitivi previsti per il 2019, i dati attualmente disponibili permettono di indicare che l'aggiunta di sigarette elettroniche alle sigarette tradizionali non sembra facilitare la cessazione dal fumo di tabacco né la riduzione delle sigarette fumate quotidianamente.

Tuttavia, chi ha già smesso di fumare e usa le sigarette elettroniche ha maggiori possibilità di resistere alla tentazione di tornare alla sigaretta tradizionale.

Fonti: CS N°18/2016 E-cig, il più lungo monitoraggio finora effettuato le conferma sicure ma scarsamente efficaci come strumento per smettere di fumare.

12 dicembre 2016


Approfondimento Prevenzione Salute

Medico di base - Pneumologo


Articoli correlati

Contenuto Web