Sonno disturbato: le cause principali

Sono molte le cause di un sonno disturbato: da problemi fisici a disturbi psicologici

La definizione di “sonno disturbato” comprende sia la difficoltà ad addormentarsi sia i ripetuti risvegli durante la notte. Se si tratta di eventi saltuari non devi preoccuparti. Se invece il sonno disturbato si presenta frequentemente, ossia almeno tre volte alla settimana e per almeno un mese di seguito, questo può essere il sintomo che c'è qualcosa che non funziona nei tuoi ritmi di sonno e veglia e può essere quindi opportuno andare più a fondo del problema.

 

Un sonno disturbato può peggiorare la tua qualità di vita. Sappiamo infatti che il 10% delle persone che hanno un sonno disturbato lamentano pesanti ripercussioni sulla loro qualità di vita: riportano una costante sensazione di riposo non soddisfacente e manifestano irritabilità, scarsa vigilanza e capacità di reazione.

 

D’altra parte, il sonno disturbato, che include l’insonnia vera e propria, è uno dei principali motivi per cui ci si rivolge al medico. Ne soffre un adulto su tre e più di frequente se si tratta di donne o di persone anziane.

Le cause

Esistono diversi tipi di sonno disturbato, differenti sia nelle manifestazioni – come abbiamo già visto – sia nei fattori che la causano. È noto, per esempio, che un sonno disturbato può essere conseguente a periodi prolungati di stress e ansia. In tal caso può inoltre innescarsi un circolo vizioso, perché lo stesso sonno disturbato può alimentare uno stato psicologico alterato.

Il sonno disturbato può essere inoltre causato da problemi fisici, in particolare il dolore (per esempio quello artrosico, che si evidenzia tipicamente nell’orario notturno).

Condizioni cliniche associate

Vi sono poi diverse situazioni in cui il sonno disturbato rappresenta il sintomo specifico di condizioni cliniche rilevanti quali la sindrome delle apnee nel sonno e la sindrome delle gambe senza riposo, che meritano un’attenta valutazione specialistica. Entrambe le patologie citate possono infatti essere segnali di alterazioni importanti per la salute generale.

In particolare, la sindrome delle gambe senza riposo – così detta perché obbliga chi ne soffre a muovere continuamente le gambe (a volte anche le braccia) durante la notte, per alleviare la fastidiosa sensazione di formicolio e scosse muscolari – può essere dovuta a problemi comuni come la carenza di ferro, vitamina B e magnesio, ma anche a gravi patologie neurologiche come la malattia di Parkinson.

La sindrome delle apnee del sonno

La sindrome delle apnee del sonno (comunemente detta anche “sindrome delle apnee notturne”), può essere di per sé molto pericolosa per la salute. Le cause della sindrome delle apnee nel sonno possono essere riferite a problemi respiratori, neurologici o entrambi. Le apnee nel sonno vengono inoltre favorite da diversi fattori quali l’ipertensione arteriosa, l’obesità e l’ipotiroidismo.

Le apnee sono caratterizzate da ripetute interruzioni del respiro durante la notte, quasi sempre precedute da russamento severo. Il problema diviene rilevante se si verificano almeno 10-15 episodi per notte (5 in età pediatrica), perché comportano una ridotta ossigenazione nel sangue. Il cervello reagisce all’improvvisa carenza di ossigeno provocando un minirisveglio tale da riportare tonicità ai muscoli e ripristinare il respiro.

I continui minirisvegli, indotti dalle apnee nel sonno, provocano un sonno disturbato e alterano, inevitabilmente, la qualità di vita di chi ne soffre. Non solo, nei pazienti con sindrome delle apnee nel sonno sono frequentemente segnalate complicanze cardiovascolari e cerebrovascolari, in quanto le apnee provocano sui vasi un insulto meccanico e biochimico. Sappiamo infatti che le persone affette da forme moderate e gravi della sindrome delle apnee nel sonno presentano un notevole aumento del rischio di eventi vascolari mortali, rispetto alle persone sane.

Questo disturbo deve essere pertanto tempestivamente diagnosticato attraverso esami specifici (in primis la poli-sonnografia) e trattato da medici specialisti, presso centri dedicati alla medicina del sonno.

03 marzo 2016


Approfondimento Disturbi del sonno

Medico di base - Pneumologo


Articoli correlati

Contenuto Web