La dieta mediterranea previene i tumori di testa e collo

Rischi dimezzati per chi segue la dieta mediterranea: dimostrata l'efficacia protettiva grazie alla ricerca

Uno studio italiano pubblicato sullo European Journal of Cancer Prevention dimostra l’efficacia preventiva della dieta mediterranea nei tumori di testa e collo (che interessano soprattutto cavo orale, faringe e laringe).

La ricerca, condotta dai gruppi di Stefania Boccia (Istituto di sanità pubblica dell’Università Cattolica di Roma) e Gabriella Cadoni (Policlinico Gemelli di Roma) ha confrontato l’alimentazione seguita negli anni da 500 soggetti ricoverati per tumori del distretto testa e collo con quella di 433 pazienti senza patologie tumorali.

I ricercatori hanno assegnato un punteggio crescente, da zero a 2, secondo il minore o maggiore consumo di sei principali componenti della dieta mediterranea: verdura, frutta, legumi, pesce, carne, alcol (a dosi moderate).

Proprio da questo confronto è emerso il potenziale preventivo della dieta mediterranea nei tumori di testa e collo. La massima adesione ai principi alimentari mediterranei (2 punti per ciascuna componente alimentare) corrispondeva al consumo di almeno 300 g di frutta e oltre 250 g di verdura quotidiani, almeno 140 g di legumi e oltre 250 g di pesce ogni settimana; 12-24 grammi di alcol al giorno (pari a uno-due bicchieri di vino, oppure una-due lattine di birra, oppure un superalcolico, sempre ai pasti), ma meno di 80 g di carne rossa (o lavorata) alla settimana.

La somma dei punteggi ha permesso di stilare una classifica, facendo emergere una chiara associazione tra crescente adesione all’alimentazione mediterranea e maggiore protezione dal rischio tumorale, in questo caso del distretto testa-collo: «Il rischio di sviluppare un tumore del distretto testa-collo di chi ha un punteggio di adesione superiore a 6 risulta addirittura la metà rispetto a chi non supera i 4 punti» riassume Stefania Boccia.

L’efficacia protettiva della dieta mediterranea non fa che rafforzare le certezze già acquisite sulle capacità preventive antitumorali generali di questo modello alimentare. Com’è noto, la dieta mediterranea affianca, agli alimenti considerati in questa ricerca, il consumo quotidiano di olio extravergine di oliva, cereali preferibilmente integrali, latte e yogurt, mentre uova e formaggi sono indicati due volte a settimana.

Tumori testa e collo

I tumori del distretto testa e collo prevalgono nel sesso maschile, con un rapporto 4 a 1 rispetto al sesso femminile.

I principali fattori di rischio sono il fumo e l’abuso di alcolici (negli anni più recenti si è messo in luce anche il rischio per infezione da Papillomavirus umano o HPV).

Se si escludono i tumori della cute, i tumori del distretto testa e collo sono i più frequenti nel sesso maschile dopo quelli prostatici, polmonari, del colon-retto e della vescica.

05 April 2017


Alimentazione Approfondimento Prevenzione

Giornalista professionista


Articoli correlati

Web Content Article